• Donne
  • Donne1

Anna Gnesa (1904 - 1986)

Saranno stati poveri di scarpe e polenta, ma la casa l'avevano tutti.

Autrice molto legata alla sua terra d'origine, alla gente e al paesaggio della sua valle, Anna Gnesa è nata nel 1904 a Brione Verzasca. Malgrado la passione che nutre per la sua terra e che traspare anche nella sua opera, prima fra tutte Questa valle, la Gnesa non ha però costretto i suoi orizzonti culturali ed esistenziali attorno a quelle montagne. Dopo aver insegnato per qualche anno ai bambini della scuola elementare di Lavertezzo cambia totalmente orizzonti, si reca a Damasco, in Siria, dove lavora per alcuni anni come docente alla scuola francese. Un'esperienza che dà una svolta fondamentale alla sua vita. Tornata dalla Siria, matura l'intenzione di continuare gli studi e si iscrive all'università di Zurigo, dove, quarantenne, si laurea in lettere con una tesi sull'opera dello scrittore italiano Emilio Cecchi. Scrittrice appartata, schiva e forse un po' dimenticata dal mondo dell'ufficialità letteraria della Svizzera italiana, ha lasciato poche tracce di sé negli archivi RTSI. Sono solo due documenti radiofonici che la ricordano e in ambedue i casi al centro dell'attenzione non è la sua opera di narratrice sensibile, ma argomenti legati alla politica del territorio della sua amata valle. E' del 1963 la sua partecipazione ad una trasmissione sulla costruzione della diga della Verzasca, mentre nel 1979 la possiamo sentire in veste di ascoltatrice, intervenire ad un programma sulla fusione dei comuni della valle.