• Donne
  • Donne1

Teresina Bontempi (1883-1968)

«Io sono una scrittrice. E l'arte dello scrivere è dura, penosa. Ci ho messo tutta la vita per conquistarla. Sia pure assai imperfettamente. E dovrei adesso gettarla via? Per rinchiudermi in un ricovero, a far la vecchia e stagionata zitella: cagnolino, col guinzaglio, a sinistra, ed elegante bastoncino a destra?»
(Teresa Bontempi, Diario di prigionia, Dadò, Locarno 1999, 35)

Attinente di Menzonio, figlia di Giustina Chiesa e di Giacomo Bontempi (segretario del Dipartimento della Pubblica Educazione), Teresina Bontempi rimase orfana di madre a 11 anni. Diventata maestra elementare, dopo un breve soggiorno di studio a Friborgo, nel 1908 è nominata Ispettrice cantonale degli asili d'infanzia, succedendo a Lauretta Perucchi. Nel 1906 aveva conosciuto la pedagogista italiana Maria Montessori della quale diventò "fervente apostola" e i cui metodi introdusse nei nostri asili. Nel 1912 fonda la rivista "L'Adula" il cui programma editoriale era: "Lotta per la giustizia e perseverante affermazione della nostra anima italiana. Il primo punto riflette un movimento deciso di reazione, contro le inqualificabili vigliaccherie di vita nostra, che sono del resto comuni a tutti i paesi abbandonati a sé, sfruttati da signorotti medievali, e dove la cultura è scarsa. Il secondo punto mira ad affermare, in modo saldo e inattaccabile, la nostra italianità...". Nel 1935, "L'Adula" spostatasi su posizioni filofasciste, la Bontempi venne imprigionata, processata, e poi, liberata, andò a vivere per diversi anni in Italia, presso il fratello che abitava a Parma.

«Risotto a pranzo. Tempo nuvoloso al sommo del cielo, schiarito all'orlo dei monti. Più tardi spunta il sole. Passeggiata di mezz'ora in giardino in compagnia di Suor Alessandrina... Mentre m'avvio all'aperto incontro a pian terreno l'eterno giovane dell'innaffiatoio. Mi sorride una prima volta quando lo saluto. Che bella cosa un sorriso umano! Vero raggio di sole tra le nuvolaglie... »
(Teresa Bontempi, Diario di prigionia, Dadò, Locarno 1999, 121)